Buone notizie per le imprese che investono in ricerca e sviluppo! Le novità importanti del credito d’imposta apportate con la nuova finanziaria 2017 (art.1 comma 15 e 16) sono:

  • l’innalzamento al 50% del credito per tutte le tipologie di costo rendicontabili
  • la possibilità di rendicontare anche costi di personale non altamente qualificato
  • l’allungamento del beneficio sino al 2020.

E per chi non lo sapesse la norma esiste già da qualche anno e fa riferimento alla legge di Stabilità 2015. Per capire però esattamente come funziona è necessario fare riferimento alla Circolare 5/E 2016 dell’Agenzia delle Entrate

In sostanza i punti principali sono i seguenti:

  • viene finanziata la ricerca e sviluppo e non l’innovazione o la miglioria di prodotto o di processo;
  • il credito d’imposta si calcola sul valore della ricerca e sviluppo incrementale svolta nell’anno di riferimento prendendo come base di calcolo la media dei costi di ricerca sostenuti negli esercizi 2012/2013/2014 (per le aziende che hanno l’esercizio coincidente con l’anno solare);
  • l’importo minimo rendicontabile è di 30.000 euro annui;
  • l’importo massimo annuo del credito è di 20 milioni annui;
  • il credito d’imposta non concorre alla formazione del reddito e quindi non è soggetto a tassazione;
  • è utilizzabile in compensazione a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in cui sono stati sostenuti i costi.

Contattaci per sviluppare al meglio la ricerca e sviluppo nella tua azienda!